Passa ai contenuti principali

Roger Water - Pink Floyd - The Wall

Roger Waters canta the wall in tournee

La fine dei Pink Floyd

Con molta discrezione i Pink Floyd sono scomparsi dalla scena musicale. Il tutto senza la classica ultima tournée o senza annunci eclatanti. Solo, ad un certo punto, ci si è resi conto che la grande rock band non registrava un nuovo LP dal 1994 ed aveva abbandonato gli eventi live. Si, lo so da allora è stato pubblicato diverso materiale, come ad esempio "1965: Their First Recordings", ma si tratta sempre di live, raccolte o vecchio materiale rimaneggiato.

La rinascita di The Wall.

Ultimamente, invece, si parla spesso di Roger Waters, quello che, probabilmente, è stato il più importante leader della band (non ne abbiano a male i fans di Sid Barret). E' sempre più attivo e presente in diversi contesti e, da un po di tempo, ha ripreso seriamente a fare interviste e concerti dal vivo. Bisogna ricordare che, lasciata la band, non ha mai abbandonato l'attività in studio, anche se con uno scarso riscontro commerciale.
Ma perché c'è tutta questa voglia di Roger Waters? E soprattutto, perchè "The Wall" è tornato tanto in auge? Qual'è il significato di questa canzone?

The Wall: l'album sulla sofferenza dell'uomo

The Wall è un LP che parla della sofferenza dell'uomo, anzi, è proprio una "carrellata di sofferenze". Il protagonista pink (non dimentichiamoci che stiamo parlando di un contest album), che qualcuno identifica come l'alter ego dello stesso Water, subisce varie esperienze di  odio e dolore ,dall'infanzia (la scuola), all'età adulta (la guerra), alla vecchiaia (la solitudine).
Ogni dolore, ogni sofferenza, lo porta sempre di più a distaccarsi dal resto dell'umanità. Costruisce un muro tra il suo cuore e le altre persone. Ogni esperienza negativa, ogni sofferenza è un altro mattone da aggiungere al muro.
Terminata la guerra fredda, finito il tempo della Tatcher in Gran Bretagna, con la scomparsa della fame e dell'analfabetismo in quasi tutto l'occidente, il messaggio sembrava quasi "scaduto", e con lui anche la figura stessa di Roger Waters.
Oggi purtroppo torna di moda. Guerre ne sono spuntate e l'Europa, dimenticato l'incubo della seconda guerra mondiale, ne è tornata parte attiva. Si muore in Iraq, Afghanistan e Kossovo. L'odio e la paura hanno  preso la forma del terrorismo, gli stati uniti vogliono edificare un muro col Messico, che virtualmente andrà a dividere in due il pianeta: da un lato i ricchi e dall'altro i poveri. L'assistenza sanitaria non è garantita per tutti nemmeno in nazioni moderne come gli stati uniti, le pensioni in Europa sembrano ormai un privilegio e molte famiglie non sono più in grado di arrivare a fine mese...
E quindi ecco che il muro è tornato! Caduto il simbolico muro di Berlino ne stiamo costruendo un altro simbolico muro col Messico. Simbolico perché in concreto non farà molto, ma rappresenta benissimo un occidente ricco di denaro, ma spaventato ed egoista. Comunque, il vero muro a cui si riferisce Waters, non è quello di mattoni, ma quello che ogni cittadino sta edificando tra il proprio cuore e quello dei propri simili. La paura e spesso l'odio per chi è diverso. Diverso per motivi religiosi, fisici, censo o altro..
Che dire? Trovo straordinario Roger Waters, ma mi piacerebbe davvero che cadesse nel dimenticatoio, che mio figlio ascoltandolo possa dire: ma di cosa parla questo? Che, almeno per una generazione, tutto questi questi muri siano solo materiale per i libri di storia

Testo della canzone the Wall dei Pink Floyd scritto da Roger Waters

Daddy's flown across the ocean
Leaving just a memory
Snapshot in the family album
Daddy what else did you leave for me?
Daddy, what'd'ja leave behind for me?!?
All in all it was just a brick in the wall.
All in all it was all just bricks in the wall.

Traduzione del testo di The Wall dei Pink Floyd

Papà sta volando attraverso l'oceano (Il padre di Roger Waters è venuto in Europa a combattere a fianco degli alleati nella seconda guerra mondiale)
(ora) vive solo nei ricordi (il padre morirà nella battaglia d'Anzio)
scatti (fotografie) nell'album di famiglia
papà, cos'altro hai lasciato per me?
papà, che cosa ha lasciato qui per me?
alla fine solo un mattone in un mro
tutto sommato erano solo mattoni in un muro

Commenti

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
 Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzon…