Passa ai contenuti principali

Nuova tournee di Roger Waters con The Wall

Roger Waters canta the wall in tournee

La fine dei Pink Floyd

Con molta discrezione i Pink Floyd sono scomparsi dalla scena musicale. Il tutto senza la classica ultima tournée o senza annunci eclatanti. Solo, ad un certo punto, ci si è resi conto che la grande rock band non registrava un nuovo LP dal 1994 ed aveva abbandonato gli eventi live (si lo so da allora è stato pubblicato diverso materiale, come ad esempio "1965: Their First Recordings", ma si tratta sempre di live, raccolte o vecchio materiale rimaneggiato).

La rinascita di The Wall.

Ultimamente, invece, si parla spesso di Roger Waters, quello che, probabilmente, è stato il più importante leader della band (non ne abbiano a male i fans di Sid Barret). E' sempre più attivo e presente in diversi contesti e, da un po di tempo, ha ripreso seriamente a fare interviste e concerti dal vivo. Bisogna ricordare che, lasciata la band, non ha mai abbandonato l'attività in studio, anche se, ammettiamolo, almeno in Italia non ha mai avuto alcun riscontro commerciale.
Ma perché c'è tutta questa voglia di Roger Waters? E soprattutto, perchè "The Wall" è tornato tanto in auge? Qual'è il significato di questa canzone?

The Wall: l'album sulla sofferenza dell'uomo

The Wall è un LP che parla della sofferenza dell'uomo, anzi, è proprio una "carrellata di sofferenze". Il protagonista pink (non dimentichiamoci che stiamo parlando di un contest album), che qualcuno vede come l'alter ego dello stesso Water, subisce varie esperienze di  odio e dolore ,dall'infanzia (la scuola), all'età adulta (la guerra), alla vecchiaia (la solitudine).
Ogni dolore, ogni sofferenza, lo porta sempre di più a distaccarsi dal resto dell'umanità. Costruisce un muro tra il suo cuore e le altre persone. Ogni esperienza negativa, ogni sofferenza è un altro mattone da aggiungere al muro.
Terminata la guerra fredda, finito il tempo della Tatcher in Gran Bretagna, con la scomparsa della fame e dell'analfabetismo in quasi tutto l'occidente, il messaggio sembrava quasi "scaduto", e con lui anche la figura stessa di Roger Waters.
Oggi purtroppo torna di moda. Guerre c'è ne sono spuntate ovunque e alle stesse partecipano attivamente i paese occidentali (Iraq, Afghanistan, Kossovo), l'odio e la paura hanno  preso la forma del terrorismo, gli stati uniti vogliono edificare un muro  per dividere il mondo dei  ricchi da quello dei poveri. Vengono meno l'assistenza sanitaria per tutti (compresi i poveri) negli Stati Uniti, le pensioni in Europa sono state spostate molto in la negli anni, molte famiglie non sono più in grado di sostenere le spese sanitarie...
E quindi ecco che il muro è tornato! Caduto il simbolico muro di Berlino stiamo costruendo un'altro simbolico muro del Messico. Simbolico perché in concreto non farà molto, ma rappresenta benissimo un occidente ricco di denaro, ma spaventato ed egoista.
Che dire? Trovo straordinario Roger Waters, ma mi piacerebbe davvero che cadesse nel dimenticatoio, che mio figlio ascoltandolo possa dire: ma di cosa parla questo?

Testo della canzone the Wall dei Pink Floyd scritto da Roger Waters

Daddy's flown across the ocean
Leaving just a memory
Snapshot in the family album
Daddy what else did you leave for me?
Daddy, what'd'ja leave behind for me?!?
All in all it was just a brick in the wall.
All in all it was all just bricks in the wall.

Traduzione del testo di The Wall dei Pink Floyd

Papà sta volando attraverso l'oceano (Il padre di Roger Waters è venuto in Europa a combattere a fianco degli alleati nella seconda guerra mondiale)
(ora) vive solo nei ricordi (il padre morirà nella battaglia d'Anzio)
scatti (fotografie) nell'album di famiglia
papà, cos'altro hai lasciato per me?
papà, che cosa ha lasciato qui per me?
alla fine solo un mattone in un mro
tutto sommato erano solo mattoni in un muro

Commenti

Post popolari in questo blog

Blowin' in the wind - Bob Dylan

Stati Uniti in guerra! Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.