Passa ai contenuti principali

Farfallina - Luca Carboni

Luca Carboni canta Farfallina dall'album Luca Carboni

Farfallina: una Maddalena degli anni 80.

Altro splendido pezzo tratto da qual capolavoro di album che è "Luca Carboni". Non vorrei raccogliere l'ira dei suoi fans, ma il grande cantautore non ha più raggiunto questi livelli nella sua carriera. Anzi, da parecchi anni non lo seguo più. Del primo estratto ne abbiamo già parlato: Silvia lo sai, una meravigliosa canzone che parla di eroina, autobiografica secondo alcuni. In questo pezzo, invece, si parla di prostituzione. È bene ricordare che siamo ancora negli anni '80 e le prostitute erano assai diverse.

Le farfalline degli anni '80.

Non intendo in questa sede aprire un dibattito sulla prostituzione, sul ruolo della prostituta, sugli aspetti legali e, soprattutto, non voglio parlare di morale. Non che non siano argomenti importanti, anzi, lo sono talmente tanto che richiederebbe un sito ad hoc. Voglio solo ricordare che, nella maggior parte dei casi, non erano ragazzine, magari minorenni, arrivate dall'estero in disperata ricerca di fortuna. Obbligate dalla povertà, dai ricatti o dalla violenza. All'apparenza erano donne, per lo più italiane, che in qualche modo lo avevano scelto., forse per uscire da una situazione difficile, ma comunque non obbligate con la violenza. Magari eravamo solo più ingenui e più ignoranti, non so... ma non voglio nemmeno rispondere da qui.

Cosa sogna una Farfallina?

Farfallina, quindi, è una prostituta e lui un cliente. Un cliente forse infatuato o forse semplicemente disperato. Un cliente che osserva questa donna. La osserva un po' frustrato perché lei non fa nemmeno caso a lui. Lui è solo un cliente in più. E mentre la osserva si pone delle domande: vorrà anche lei dei figli come le altre donne? Avrà un anima? Vorrà anche lei una storia d'amore come tutti? Hai dei sogni? Sei libera? Sei felice?

Tutte queste domande servono solo a riportarci alla realtà, al fatto che le prostitute sono donne come tutte le altre. E che, come tutte, meritino rispetto! Non vi sorprenda la cosa. Al tempo, una certa morale, le dipingeva come dei mostri! E il cliente cos'è? Forse è lui quello che ha i problemi più grossi e che implora questa donna di accoglierlo, di tenergli compagnia, di dargli coraggio. È un po come si fosse un filo che collega le due anime disperate.

Un grande testo ed una grande interpretazione di Luca Carboni

Un testo forse poco attuale, ma senza dubbio eccellente. Un testo che ottiene ancora maggior forza da una musica ed un interpretazione perfetta. Una canzone che, purtroppo, Carboni non riuscirà mai ad eguagliare.

Testo della canzone Farfallina di Luca Carboni

Un fiore in bocca
può servire...
non ci giurerei
ma dove voli
Farfallina
non vedi che son qui
come un fiore
come un prato
fossi in te
mi appoggerei
per raccontarmi
per esempio
come vivi tu
potresti dirmi
sorellina
in cosa credi tu
cosa speri
cosa sogni
da grande che farai
se ti blocchi
contro il vento
o spingi più che puoi
che paura certe notti
ti senti sola mai
Così sola da
da non poterne più
Se hai bisogno d'affetto
se ne hai bisogno come me
se hai bisogno d'affetto
e di qualcosa che non c'è
... per te tra gioia
e dolore
che differenza c'è
vuoi dei figli
sì dei figli
o non ci pensi mai
e il sesso è un problema
oppure no
sembri libera e felice
o a volte piangi un po'
Si dice in giro
farfallina
che tu l'anima non l'hai
e come fai
piccolina
a dire si o no
Non pensare che sia pazzo
se sto a parlare con te
è che sono solo
sorellina
così troppo solo che
Ho bisogno d'affetto
per oggi tienimi con te
ho bisogno d'affetto
ho bisogno anche di te
ho bisogno di amore
e di qualcosa che non c'è
Ho bisogno d'affetto...
ho bisogno d'affetto...
ho bisogno d'amore...

Commenti

  1. Sai cosa penso?
    Che invece il testo è ancora attuale. Non tanto per il discorso prostituzione, ma per il fatto che spesso e volentieri molte persone cercano, da una persona che sta svolgendo un lavoro, la risoluzione di tutti i loro problemi.
    Mi viene in mente tipo la signorina che lavora ai call center degli operatori telefonici, certe volte accade che dalla segnalazione di un disservizio queste povere criste -o cristi- si trovano a subire gente che inveisce a oltranza o che gli racconta vita morte e miracoli come se quella persona fosse là per lui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio l'insegnante, quindi capisco benissimo quello che intendi dire... Ed è certo che il protagonista spera che Farfallina possa compensare tutte le sue carenze affettive dietro un mero compenso economico. Questo è addirittura più attuale oggi che allora.
      Però credo che quest'aspetto, per quanto valido, non fosse nelle intenzioni dell'autore.

      Elimina
  2. Ma perché dici che è una prostituta? Hai fonti tipo dichiarazioni dell'autore?
    Io ho sempre pensato che fosse un dialogo con una ipotetica sorella, una persona apparentemente dura (o indurita dalla vita, e/o da certi sbaglia... magari un po' leggerina da ragazza, coi coetanei che le parlano dietro), ma con una fragilità che lui conosce e a cui ora vorrebbe avvicinarsi.
    Due fratelli che non hanno forse mai parlato molto, ma che di fondo si vogliono bene. Lui capisce il suo periodo di sofferenza, e le dice che se vuole qualcuno con cui parlare, con cui aprirsi, raccontare i propri sogni... se ha bisogno d'affetto, lui c'è. Perché ne ha bisogno anche lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, nessuna dichiarazione ufficiale! E non è nemmeno detto che lo sia. Si tratta di una mia interpretazione

      Elimina
  3. Stamattina ho sentito questa canzone alla radio e ogni volta penso che lui si rivolga ad una ragazza con un handicap fisico. Lui la conosce da vicino, sa che è un ragazza determinata che affronta quotidiane difficoltà, è una persona autonoma che l'handicap ha reso forte e coraggiosa. Dietro a questa determinazione e coraggio, dietro al sorriso quotidiano di questa ragazza, si nascondono però fragilità, paure e dubbi sul futuro. Lui si interroga se questa ragazza abbia dei sogni perchè lei sa che il suo handicap può rendere il sesso e la maternità più difficoltose; a volte si sente terribilmente sola, perchè sa che non è facile trovare qualcuno che la ami per quella che è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Splendida interpretazione!!!

      Elimina
    2. Grazie...!!! avendo un handicap, la sento molto mia e ogni volta che la ascolto, rivedo i miei dubbi e le mie paure. Mi chiedo se qualcuno, di certo una persona con una sensibilità delicata, profonda e superiore, si sia mai fatto quelle domande pensando a me

      Elimina
    3. Certo è impressionante il numero di sfumature che si possono leggere in una poesia! A dire il vero, a questo punto, mi domando se quello che ho scritto io ha ancora senso! C'è solo una frase che fatico ad inquadrare: "ho bisogno di affetto, sta sera tienimi con te", sembra lui che "compra" l'affetto di lei, o ci vedi qualcosa di diverso?

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

My way - traduzione e significato testo

Non ho specificato My way - Frank Sinatra poichè il testo è stato scritto da Paul Anka sulle note di "Comme d'habitude" di Claude Francois. Però il cantante canadese non si è limitato a tradurre il brano, ma lo ha riscritto da capo. Il testo di Paul Anka è quello che canteranno Elvis Presley, Mirelle Mathieu, Nina Hagen, Michael Buble, Sid Vicius e, naturlamente, The Voice. Noi faremo riferimento a questa versione.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perchè troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…