Passa ai contenuti principali

Blowin' in the wind - Bob Dylan

blowin' in the wind di bob dylan

Stati Uniti in guerra!

Ed ecco la meraviglia del grande poeta! Blowin'in in the wind, come tutti i brani di Bob Dylan, si presenta con un testo semplice e profondo. Ancora una volta devo ricordarvi che siamo nel 1963 e che gli Stati Uniti sono in guerra. Ancora una volta il poeta ci parla di guerra, ma sempre dall'alto, senza alzare il dito, senza toni forti, senza accuse. Anzi, in questo brano sembra quasi che fare la guerra sia uno degli istinti dai quali l'uomo non si potrà mai liberare. Prima di spiegare il significato del testo ve lo pubblico nella versione originale in inglese e nella sua traduzione (per quanto tradurre una poesia sia di fatto impossibile) in italiano.

How many roads must a man walk down
Before you call him a man?
Yes, 'n' how many seas must a white dove sail
Before she sleeps in the sand?  
Yes, 'n' how many times must the cannon balls fly
Before they're forever banned?
The answer, my friend, is blowin' in the wind,
The answer is blowin' in the wind.
che si potrebbe tradurre così:
quante strade deve percorrere un uomo
prima che si possa chiamare uomo?
e quante spiagge deve vedere una colomba bianca
prima di potersi riposare nella sabbia
e quante volte devono volare le palle di cannone
prima che vengano  cancellate?
la risposta, amico mio, sta soffiando nel vento...
la risposta sta soffiando nel vento

Tutto e tutti crescono.

C'è poco da commentare: ogni conquista richiede un cammino. Un uomo deve camminare (o vivere, lavorare o quello che preferite) diversi anni prima di essere davvero un uomo. Una colomba deve viaggiare per il mondo prima di trovare pace. E quante palle di cannone dovremo ancora sparare prima di imparare a non usarle più?
Il ritornello invece si presta a diverse interpretazioni. Soffia nel vento potrebbe significare che non esiste (polvere al vento), che esiste e che si sta propagando per tutto il mondo (erano gli anni in cui il movimento hippy partendo dall'America stava arrivando in ogni angolo del pianeta), ma a me piace pensare che la risposta soffi nel vento, leggera, a basso volume, ma che noi non siamo in grado di porgere l'orecchio ed ascoltare. Ma, forse, come la colomba, presto ci arriveremo.
How many times must a man look up
Before he can see the sky?
Yes, 'n' how many ears must one man have
Before he can hear people cry?
Yes, 'n' how many deaths will it take till he knows
 too many people have died?
The answer, my friend, is blowin' in the wind,
The answer is blowin' in the wind.
Che tradurrei così:
quante volte un uomo deve guardare in alto
prima di scorgere il cielo?
e quante orecchie deve avere
per sentire una persona piangere?
e in quanti devono morire
prima che si accorga che ne sono morti troppi?

La natura ci parla, ma noi non sappiamo ascoltare.

Direi che si ricollega a quello che ho scritto sopra. L'uomo è sordo! L'uomo non sente le risposte perchè non è in grado di ascoltare.
How many years can a mountain exist
Before it's washed to the sea?
Yes, 'n' how many years can some people exist
Before they're allowed to be free?
Yes, 'n' how many times can a man turn his head,
Pretending he just doesn't see?
The answer, my friend, is blowin' in the wind,
The answer is blowin' in the wind.
Una traduzione potrebbe essere:
quanti anni può esistere una montagna
prima che sia spazzata nel mare?
e quanti anni deve vivere la gente
prima di essere libera?
e quante volte un uomo può girare la testa
e fare finta di non vedere?

Non esiste speranza?

Questo paragrafo lo considero denso di pessimismo. La sostanza è: come ci vogliono centinaia di milioni di anni perchè una montagna venga spianata, tanto da sembrarci immobile, tanto ci vuole perchè l'uomo impari ad ascoltare. Ma, visto che, probabilmente quando scompariranno le alpi noi non ci saremo più, allo stesso modo, finchè ci sarà l'uomo ci saranno le guerre.


Commenti

  1. "ma a me piace pensare che la risposta soffi nel vento, leggera, a basso volume, ma che noi non siamo in grado di porgere l'orecchio ed ascoltare. Ma, forse, come la colomba, presto ci arriveremo."
    Personalmente ho da sempre dato solo questa interpretazione! ottima spiegazione di un testo stupendo sia per gli anni in cui è stato composto che per "l'oggi" perpetuo, visto che le guerre continuano (per l'interesse di pochi) ad uccidere milioni di persone inconsapevoli.....commentato come anonimo poiche non ho altri modi, se vuoi la mia mail te la mando volentieri.
    Complimenti
    Gino

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. L'umanità vive nell'ombra in quanto i nostri sensi sono in grado di percepire solo la superficie della verità.

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Vorrei segnalarti che questa canzone è stata tradotta interamente in italiano da Mogol, grande paroliere anche lui, e devo dire che l'idea è resa, anche se secondo me non è molto fedele a quanto scritto da Dylan (però di questo brano mi piace di più la versione di Joan Baez). Tra l'altro, quello che secondo me Dylan ha espresso ma Mogol ha tralasciato, è stato il concetto dell'indifferenza. "quante orecchie deve avere una persona prima di poter sentire gli altri piangere"... Sulla versione di Mogol secondo me si è dato troppo risalto alla morte, e a quel che succede al prossimo, piuttosto che a quello che NOI potremmo fare per il prossimo affinché le cose cambino in meglio.
    Ti passo la traduzione
    La risposta è caduta nel vento
    [nota: non capisco la scelta del verbo caduta, piuttosto che "sospesa", forse "caduta" ci stava musicalmente meglio; ma nel vento qualcosa non può mai cadere, il vento soffia, si muove, è aria, per cui più che caduta avrei messo sospesa...]
    Testo:
    Quante le strade che un uomo farà
    e quando fermarsi potrà?
    Quanti mari un gabbiano dovrà attraversar
    per giungere e per riposar?
    Quando tutta la gente del mondo riavrà
    per sempre la sua libertà?
    Risposta non c’è, o forse chi lo sa,
    caduta nel vento sarà.

    Quando dal mare un’onda verrà
    che i monti lavare potrà?
    Quante volte un uomo dovrà litigar
    sapendo che è inutile odiar?
    E poi quante persone dovranno morir
    perché siamo in troppi a morir?
    Risposta non c’è, o forse chi lo sa,
    caduta nel vento sarà.

    Quanti cannoni dovranno sparar
    e quando la pace verrà?
    Quanti bimbi innocenti dovranno morir
    e senza sapere il perché?
    Quanto giovane sangue versato sarà
    finché un’alba nuova verrà?
    Risposta non c’è, o forse chi lo sa,
    caduta nel vento sarà.


    RispondiElimina
  5. @ Masimiliano Arena: Grazie del commento. Un punto di vista più completo: illuminante.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sally - Vasco Rossi

Chi è Sally. Non tutti hanno ancora capito che quando Vasco scrive una canzone autobiografica si nasconde sempre dentro un alter ego femminile. Ne sono esempi canzoni come Albachiara (il cantante di Zocca che parla della sua diversità) o Jenny è pazza (il cantante che, come molti adolescenti, passa le ore chiuso in camera, inducendo gli altri a credere nella sua pazzia). Sally è uno di questi alter ego. Si tratta di una delle canzoni più riuscite del rocker, tanto che egli stesso ha dichiarato in un'intervista che a volte vorrebbe fare un concerto solo per cantare questo brano.

Stupendo - Vasco Rossi

Il testamento spirituale di Massimo Riva. Questa è una delle mie preferite. La musica è del grande cantautore, ma, questa volta, al testo ci ha messo le mani il grandissimo Massimo Riva. Autore già di altri testi capolavoro come "dormi dormi" e "non mi va". La canzone assume un significato ancora più forte se si considera che di li a poco il grande autore/chitarrista morirà di overdose. Lo voglio sottolineare perché troppo spesso abbiamo scoperto che presunti artisti maledetti, una volta spente le telecamere, facevano una vita da yuppies. Una brutta ipocrisia che rafforza ancor di più la, già sgradevole, sensazione di essere soli ed incompresi. Massimo riva in questo brano ha posto l'accento sul proprio malessere, sul male di vivere in una società che non condivideva i suoi valori. Di provare, letteralmente, il vomito nel vedere come molti dei ribelli degli anni 70 si sia perfettamente integrati in questo modello di potere. La sua morte/suicidio è stato come u…

Classifica delle 100 migliori canzoni italiane di sempre

Disclamer: fare una simile classifica è sempre una cosa sciocca. Il risultato sarà sempre e comunque sindacabile. Allora perché la faccio? Così, per ingannare il tempo e divertirmi un po. Bello sarebbe anche se desse l'inizio ad un sano dibattito. Non cadiamo nel tranello di dare il via a sterili litigi. Per chi volesse esistono già numerosi siti dove litigare.
Stilare una simile classifica non è facile ed il risultato dipende esclusivamente dai parametri che si intendono utilizzare. Quelli a cui mi andrò a riferire sono:

successo della canzoneimpatto sociale nel momento in cui è stata pubblicatalongevità del successouniversalità del messaggio e del suonoprofondità del testocapacità di superare le barriere del tempo. Ogni volta che rileggo la classifica ci farei dei cambiamenti. Questo perché certi fenomeni sociali riescono a far tornare verde un messaggio mentre altri, col tempo, perdono la loro forza. Di fronte all'attuale crisi europea, chi non ha trovato attuali le canzoni…