Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2012

Ora - Jovanotti

La canzone, se pur in modo radicalmente differente, ripropone i temi del primo Jovanotti. L'artista vede una società che reprime l'individuo. Quando nasci ti dicono il cammino che dovrai percorrere e che è unico. Ti scoraggiano ad inseguire gli ideali perchè rimarrai sempre deluso. Ti invitano a credere solo a quello che vedi, e, quello che non vedi, non esiste, sono solo favole.

Lorenzo ancora una volta ci invita a non credere, a non lasciarti manipolare, a vivere la tua vita. Attenzione: questa non è la ricetta della felicità. A percorrere un nuovo sentiero si rischia di perdersi e di farsi male, ma è un rischio che vale la pena correre. Terzani in un intervista disse che aveva scelto la felicità per la figlia e la libertà per il figlio, non dimenticandosi di ricordare che libertà non significa felicità, anzi.

Brown sugar e l'eroina - Rolling Stones

Mi hanno sempre raccontato che Brown Sugar dei Rolling Stones fosse un inno alla droga. All'eroina suppongo, visto che il Brown Sugar è una qualità di eroina che si è cominciato a produrre ad Amsterdam nei primi anni '70 con l'oppio proveniente dalla Birmania e dalla Thailandia. Ho riletto con cura il testo (, testo per altro abbastanza difficile, ma ho l'impressione che siamo di parecchio fuori strada.

Non lo riporto qui, lascio a voi cercarlo sul web (originale o una delle tante orrende traduzioni), dirò solo che si parla di tutt'altro. Sinceramente non so bene di cosa. Da quel poco che ho capito di parla di New Orleans negli anni della schiavitù, e dei numerosi carichi di schiavi che ogni notte approdavano al porto. Si parla anche di squallidi bianchi moralisti, che la notte lasciano a letto moglie e figliolette, per andare nei porti a violentare le ragazze nere appena arrivate.

Mama lover - Serebro

Dopo la mitica Lady Gaga l'ultima provocazione musicale arriva dalla Russia con le Serebro che cantano Mama lover, un testo davvero molto particolare.




Che dire il sound è stra orecchiabile, il ritornello, anche per chi non sa l'inglese, è facilmente intonabile e il video attira la curiosità di uomini e donne.
Gli uomini vengono attratti da queste belle ragazze che sono parecchio maliziose e le donne sono incuriosite nel sapere quanto sono disposte a scendere in basso per raggiungere una certa fama televisiva.

Per Elisa - Alice

Qualche anno fa grazie agli Aram Quartet suonava spesso alla radio e in tv la canzone Per Elisa cantata da Alice nel 1981.



Sembra un testo molto semplice, la protagonista viene tradita dal moroso con questa fantomatica Elisa. Solo che continuando ad ascoltarla le parole del testo mi sono accorta che ci sono delle strofe dove le vicende amorose non c'entrano molto, tipo "lei ti ha plagiato, ti ha preso anche la dignità" oppure "paghi sempre tu e non ti lamenti" ed anche "senza di lei ti manca l'aria" ...boh, che strano questo amore pensavo.

Patty Pravo - Pensiero stupendo

A volte mi sorprendo dei testi degli anni 70, e di come la società li "digeriva" senza tanti problemi. Testi come questo oggi causerebbero scandalo e, probabilmente, dibattiti di "altissimo spessore" dei nostri politici, critici e tuttologhi, in teatrini come porta a porta.
Siamo negli anni 70 e gli artisti ce la mettono tutta per distruggere quel moralismo ereditato dal ventennio fascista e da millenni di cultura Cattolica. Patty Pravo ci prova con questa canzone: il pensiero stupendo altro non è che il sogno di un triangolo. Una ragazza che vuole fare l'amore col suo uomo, ma che in realtà desidera di essere toccata e abbracciata da una donna. Pensiero quasi morboso, al punto che, mentre fa l'amore col suo uomo, la sua fantasia immagina che sia lei a toccarla e a baciarla.

L'acqua al deserto - Leda Battisti

Ed ecco che si passa dalla spiegazione di uno dei testi più cantati del grande Lucio alla figlia Leda, che propone dei testi molto più palesi, quindi non servono giri di parole per spiegare cosa sta dicendo.
Che dire, il testo di questa canzone l'ho sentita la prima volta che avevo solo 12 anni e da allora ho continuato a considerarla un vero capolavoro melodico. Infatti, Leda col suo modo di cantare e lo splendido contributo che offre la chitarra flamenca di Ottmar Liebert, rendono questa canzone emozionante ed intramontabile.

Smoke on the Water

Comprendere questo testo è facile, si tratta di una semplice narrazione. Ovviamente bisogna conoscerla per dargli un senso.

Tutto avvenne nel 1971, in quell'anno i Deep Purple giravano attraverso l'Europa con un camper trasformato in studio di registrazione ("to make record with a mobile"). Nel corso del loro viaggio stavano cercando qualche locale dove suonare, ma il posto migliore era stato occupato da "Frank Zappa and The Mother of Invention", che teneva un concerto al casinò di Montreux ("Frank Zappa & The Mothers were at the best place around").

Quella notte uno spettatore ebbe l'infelice idea di lanciare un razzo segnaletico che causò l'incendio del locale ("Some stupid with a flare gun burned the place to the ground"). Il ritornello "Smoke on the water" sembra sia stato scelto perchè il riflesso delle fiamme era visibile persino sul lago di Ginevra.

Trattasi di uno di quei brani stranieri di cui forse è megl…

Faccetta nera

Un testo un po strano da commentare. Riguardo il suo significato non c'è molto da capire: si tratta della canzone di un soldato italiano che sta per partire alla conquista dell'abissinia, e promette alla bella mora che l'aspetta al di la del Mediterraneo, libertà di vita, di pensiero e l'amore.

La cosa veramente curiosa però, e che pochi sanno (con mia sorpresa), è che la canzone venne censurata dall'allora governo fascista. Inizialmente vennero censurate alcune frasi, come "ti daremo libertà di vita e di pensiero" venne cambiata in "il nostro motto è libertà e dovere". Successivamente il duce stesso ne richiese la censura definitiva perchè, di fatto, si tratta di un inno all'amore interraziale. Le leggi razziali nel 1935 (anno di pubblicazione del pezzo) non erano ancora state promulgate, ma l'impronta che stava prendendo l'allora governo era già abbastanza chiara.

Sarebbe bello dirlo a quei ragazzini fasciti che se ne vanno in gir…

Significato della canzone del sole

Come tutti i testi del maestro Mogol, tutto gioca sull'equivoco. Mi sorprende però come la gente la canti da decenni e ancora non ne abbia neanche lontanamente afferrato il senso. Mi è molto chiara perchè ho vissuto qualcosa di simile, come la maggior parte di noi suppongo.

La storia è questa: il protagonista (che d'ora in poi sintetizzerò in battisti) è un bambino che ha una compagna di giochi. Giochi ingenui naturalmente. Attenzione agli equivoci: la cantina dove respiravamo piano è riferita a giochi da bambini, o, al massimo, al gioco del dottore. Niente sesso comunque.

Come sappiamo le donne maturano prima degli uomini. Ed ecco che la bambina compagna di giochi diventa donna, comincia a frequentare "ragazzi grandi", e a scoprire il sesso (non è dato sapere se si tratta di baci, abbracci o altro). Perde le risa in un sorriso sicuro, gli stringe la mano, ma in modo diverso, insomma è cambiata.

Ecco il dispiacere di chi ha perso un'amica per la quale scopre di …

Hanno ammazzato Pablo - Francesco de Gregori

Un testo davvero enigmatico, ma che crea una forte curiosità. In realtà basta chiarire qualche frase per capire di cosa stiamo parlando. Alcune non mi sono ancora chiare, quindi accetto ben volentieri contributi.

Il "padre seppellito un'anno fa", il "nessuno più a coltivare la vite" e "i troppi figli da sfamare" fa chiaramente pensare ad una poverissima famiglia di agricoltori.
Ecco allora che per rabbia e per amore è costretto ad emigrare, con la famigerata valigia di cartone. È dura emigrare, e la forza per fare, o tenere insieme, la valigia viene dall'amore verso la famiglia e per la rabbia sociale a cui è condannato il proletariato (ricorda Girardengo, che correva per rabbia e per amore).

Arrivato a destinazione conosce Pablo. Ma chi è questo Pablo? Frasi come "parlava strano e io non lo capivo", "il padrone non sembrava poi cattivo", "il pane con lui lo dividevo", ... mi fanno pensare ad un comunista, un comunis…

Albachiara non è una canzona d'amore!

Il Blasco incompreso. Non potevo cominciare da un'altra canzone. Mai un testo è stato male interpretato come questo. Lo dico una volta per tutte: Albachiara NON è una canzone d'amore!!! Cominciamo col dire che tutte le canzoni del grande Vasco dedicate a delle donne, ma che non sono canzoni d'amore, sono canzoni che parlano di se stesso. Vale per Albachiara, ma anche per Jenny è pazza, Sally, ... Qualcuno mi dirà che Vasco ha concepito questa canzone mentre guardava dal balcone una ragazzina che aspettava l'autobus, la stessa ragazza a cui ha successivamente dedicato "una canzone per te". Ne riparliamo dopo.
Spieghiamoci bene: non è una canzone d'amore in quanto, se ascoltate il testo, non vi è un solo ti amo e nemmeno nessun rifermento alla bellezza del soggetto. Al massimo un "sei chiara come l'alba", ma sta ad indicare la purezza quasi ingenua del suo carattere (sei pallida non è certo un complimento!), e un "sei fresca come l'ar…